Carie

carie-bambini

Troviamo insieme

una soluzione al tuo problema!

La Carie è la più frequente malattia del dente; ha decorso lento e progressivo senza nessuna tendenza a guarire spontaneamente. Comincia sotto forma di una piccola demineralizzazione sulla superficie dello smalto del dente e lentamente penetra prima nello smalto, poi nella dentina, infine, se non viene fermata, nella polpa dentale, fino a provocare la totale distruzione del dente.

I sintomi sono diversi a seconda del grado di evoluzione: nelle prime fasi la Carie non dà fastidio e, anche per questo motivo, viene trascurata; successivamente si manifestano dolore, formazione di ascessi e granulomi.

Le cause che provocano la formazione della Carie sono principalmente: lo zucchero e la scarsa o superficiale igiene orale. Entrambi questi fattori favoriscono la formazione di una sottile pellicola che aderisce a denti e gengive: la PLACCA DENTALE (agglomerato di batteri e saliva).

La placca dentale, se non viene rimossa spazzolando regolarmente i denti, porta progressivamente alla formazione della Carie. Le Carie a seconda del grado di evoluzione possono essere distinte in 4 gruppi:

Carie di 1° grado: molto superficiali; interessano solo lo smalto e sono quindi indolore.

Carie di 2° grado: interessano anche la dentina; si ha dolore in seguito a stimoli di caldo/freddo e di dolce/salato.

Carie di 3° grado: è interessata anche la polpa; il dolore è fortissimo. Si può manifestare la contemporanea formazione di ascessi e granulomi.

Carie di 4° grado: hanno come esito la morte della polpa che, a seguito dell’infezione prolungata, va incontro a processi putrefattivi. Il dente, largamente compromesso non è più dolente e rimane il caratteristico cattivo odore della putrefazione. L’estrazione è oramai inevitabile.

La Prevenzione tramite una corretta Igiene Orale è l’unica arma per combattere la Carie.

 

Per la prevenzione della carie consigliamo:

Leave a Comment